Skin ADV SX Skin ADV DX

GOLF NEWS

Italian English French German Spanish

Ryder Cup 2012

Molinari Ryder Cup 2012Cuore Europa e il nostro Francesco Molinari porta a casa la Ryder Cup 2012 mantenendo il trofeo nel vecchio continente.

Dopo i primi giorni di gara, a completo appannaggio degli Stati Uniti l'Europa ha dato una grande prova di freddezza agli americani con una rimonta che ha dell'incredibile, da 10 a 6 ad un finale di 14,5 a 13,5, con il mezzo punto finale decisivo portato a casa dal Torinese contro Tiger Woods.

Quattro punti di vantaggio per gli americani li facevano sentire già al sicuro con la "coppa" in casa, mai nella storia della Ryder Cup si era assistito ad una rimonta simile.

Sarà la carica data dal capitano Josè Maria Olazabal o la voglia di fare bene anche per Severiano Ballesteros, in onore al giocatore scomparso lo scorso anno indossavano la sua ultima divisa di Ryder.

Per l'ultima giornata il capitano Europeo aveva messo in campo fin da subito i suoi giocatori più in forma, Donald, Poulter, McIlroy, Rose e per ultimo Francesco Molinari, non in forma splendente ma con una tenacia e una regolarità nel gioco lungo in grado di affrontare Woods senza problemi di pressione.

Ma a Francesco parte del lavoro è stato semplificato dal gioco dei suoi compagni di team, Donald, Poulter, McIlroy, Rose, Lawrie, Garcia e Westwood superavano i loro avversari e tiravano la volata agli ultimi due: Kaymer ed il nostro Francesco.

Terminati i primi dieci singoli il punteggio era di parità assoluta, 13 punti per entrambi i team.

Martin Kaymer Ryder Cup 2012Martin Kaymer, che giocava contro Steve Stricker, porta subito una svolta alla buca 17, un par 3 per l'americano un bogey per Kaymer un par che vale un punto di vantaggio.

Vantaggio che il tedesco riesce a portare fino all'ultima buca, resistendo agli assalti di Stricker, il tedesco riesce a portare a casa così il 14° punto che decretava già la Ryder Cup nelle mani dell'Europa essendo la precedente detentrice, e in campo i giocatori e gli europei erano già in festa!!!!

Ma la festa non è ancora finita, c'era in campo ancora Francesco Molinari che stava giocando contro Tiger Woods e non aveva nessuna intenzione di essere sconfitto.

L'americano, avanti di due punti alla buca 3, poi pari alla 6, di nuovo in vantaggio alla 10, per finire sotto alla 13 e pareggiare alla 14. Tiger ha poi vinto alla 17, ma sull'ultima buca, a coppa ormai perduta, ha concesso elegantemente la vittoria alla 18 che vale il pari e il primo mezzo punto per il torinese in questa edizione.

Una grande prestazione del Team Europa che inverte un risultato che sembra ormai chiuso a favore degli Stati Uniti e che ha dimostrato che in un torneo come questo orgoglio e coraggio hanno permesso di ribaltare una squadra senza anima come quella degli Stati Uniti nell'ultima giornata.

Non bastano i migliori giocatori del Ranking messi in campo e in fila per battere un Team affiatato e con tanta voglia di vincere !!!!!

Poi le lacrime del capitano José Maria Olazabal, dedicando la coppa all'amico Severiano Ballesteros, nella notte italiana si è scritto uno dei più bei capitoli di un torneo unico al mondo.

L'uomo copertina stavolta è un tedesco, Martin Kaymer, lo scorso anno numero uno del mondo prima di rivedere il suo gioco precipitando in classifica. Trova grandi colpi, nel finale piazza sul green partendo da un bunker dietro gli alberi, ha nelle mani il putt da un metro e cinquanta - il putt della vita - che lascerebbe la Ryder Cup agli europei e lo imbuca con sicurezza.

Il capitano americano Davis Love III ha piazzato una serie di colossi nelle prime partite della giornata, per cercare di chiudere subito i conti e scoraggiare gli avversari. Ma nel team europeo sembravano diventati tutti Poulter, lo spiritato inglese che era riuscito a tenere in corsa i compagni con una serie di putt impossibili.

Il primo americano, Bubba Watson, vincitore del Masters, viene battuto con una buca d'anticipo dal britannico Donald, mentre Poulter, secondo a partire, ripete un finale dei suoi vincendo con Simpson (campione Us Open) con due punti di vantaggio conquistati nelle ultime quattro buche.

L'euforia si trasmette a tutto il resto del team, il nordirlandese Rory McIlroy trova i colpi per superare Bradley, e l'inglese Justin Rosse piazza un putt chilometrico per battere il monumento Mickelson.

Lo scozzese Lawrie trita Snedeker, che la settimana precedente aveva vinto 11 milioni di dollari, battendolo con quattro buche d'anticipo.

Non fanno miracoli il belga Colsaerts e il nordirlandese McDowell, battuti dai due Johnson, Dustin e Zach, mentre è grande lo spagnolo Garcia, che vede Jim Furyk esultare alla 16, per poi soffiargli le ultime due ed andare a vincere un match che tramortisce gli americani.

Quasi riesce la rimonta dello svedese Hanson su Dufner, mentre l'inglese Westwood si riscatta dopo doppi deludenti battendo nettamente Kuchar.

L'Europa ha già sfiorato il 14 pari che vale la coppa, il resto sapete già com'è andata e ormai è STORIA.

LA RYDER CUP E' ANCORA NOSTRA - TENIAMOLA STRETTA FINO AL 2014

 

Ryder Cup 2012

Entra per commentare


House of Golf - Il golf è di casa...

Portale e community di golf italiano con forum di discussione, recensioni e commenti sui golf club, negozi di golf, hotel e ristoranti vicino al golf. 


Per pubblicità sul portale:

ENRYWEB Web Agency
di Enrico Cigna

Tel. +39 347 2256295
Email. info@enryweb.it
Skype ENRYWEB

SEGUICI SUI SOCIAL

  

  1. Mondo
  2. EU
  3. ITA

Newsletter Houseofgolf

Iscriviti per offerte e per rimanere sempre aggiornato

Recensioni by HoG

Scrivi una recensione o lascia un commento per:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.